La Vita Parrocchiale - In Parrocchia

Alle ore 21 in parrocchia Don Roberto ci aiuterà a comprendere meglio il testo del Concilio Vaticano II relativamente al tema dell'Anno della Fede.

Ultimo aggiornamento (Domenica 25 Novembre 2012 12:08)

 
La Vita Parrocchiale - In Parrocchia

domenica 30 settembre ore 10.30: Santa Messa di saluto al parroco Don Pietro Petrilli, seguirà buffet per tutti

venerdì 5 ottobre ore 21.00: momento di preghiera e ascolto in parrocchia

venerdì 12 ottobre ore 21.00: veglia di preghiera guidata da don Franco

domenica 14 ottobre ore 10.00: Santa Messa con il Vescovo per l'Ingresso del nuovo parroco

Ultimo aggiornamento (Domenica 23 Settembre 2012 21:24)

 
Bollettini - Bollettino Maggio-Giugno 2012

Dovendo "spegnere le 40 candeline" per ricor­dare i 40 anni della no­stra parrocchia, non vo­gliamo fare feste o celebra­zioni particolari, perchè ai fini pastorali, sono quasi inutili, e poi anche perchè già nel passato, abbiamo fatto altri anniversari!

Quindi basta così! Ma non possiamo neppure lasciar passare sotto silenzio questa data, perchè non vogliamo neppure sottacere che "il fare memoria" di 40 anni di vita parrocchiale vuol dire riconoscere quanto ci è stato donato dal Signore! Perciò è doveroso da parte nostra ricordarci quanto siamo stati amati dal Signore. E questo ci deve servire sia per il presente sia soprattutto per il futuro della nostra parrocchia.

Ultimo aggiornamento (Martedì 02 Ottobre 2012 09:37)

Leggi tutto...

 
Bollettini - Bollettino Maggio-Giugno 2012

Veramente un bel pò di anni durante i quali la nostra chiesa ha vis­suto tanti momenti di fede, di gioia e di dolori.

Momenti di fede: basta pensare alla liturgia eucari­stica, perchè la Messa è fonte e culmine della vita cristia­na. E noi ce l'abbiamo messa tutta perchè l'Eucarestia do­menicale fosse veramente così. Difatti una Messa se non è "viva", partecipata, pre­gata, se non è soprattutto vissuta è pur sempre Messa perchè è Lui, che agisce, e che si offre per i nostri pecca­ti, ma rimane una "Messa monca" se non la viviamo nella nostra vita!

Momenti di gioia: basta pensare alla gioia di un cri­stiano che ogni domenica si ritrova con i suoi fratelli nella fede per attingere da Gesù la forza per vivere bene la sua settimana. E come non si può gioire quando Lui, Gesù è in mezzo a noi? Poi quante Prime Comunioni, Cresime, Matrimoni, Batte­simi.

Momenti di dolore: (ma anche di speranza), pen­sando alla morte di tante care persone delle nostre famiglie che in questi anni ci hanno lasciato e talora in età ancora giovane. La no­stra chiesa in questi anni ci ha visti così. Ma non voleva­mo sottolineare solo queste "realtà spirituali" che ogni comunità vive nella sua chiesa. Noi di S. Corrado, co­me forse altre parrocchie, possiamo aggiungere un qualcosa in più perchè ce la sentiamo "nostra", perchè è sorta ed è cresciuta con noi. Possiamo dire che "l'abbiamo tirata su, l'abbiamo costruita noi quasi pezzo per pezzo".

Ultimo aggiornamento (Martedì 02 Ottobre 2012 09:34)

Leggi tutto...

 
Bollettini - Bollettino Maggio-Giugno 2012

Alcuni ricordi e riflessioni di un lungo racconto

Fare un "racconto" di questi 40 anni di vita parrocchiale ne verreb­be fuori un lungo... rac­conto. Oltretutto sa­rebbe inutile perchè in altre occasioni è già stato detto e scritto quanto abbiamo realiz­zato in questi anni.

Un cammino lungo 40 anni con le sue luci e certo con le sue ombre, perchè di perfetto c'è solo Lui, il Signore. Sarebbe ancora più difficile, perchè si ha a che fare con il cuore della gente che solo Dio conosce e può giudicare. Noi sì e no, ve­diamo "l'esterno" e talora con una visione distorta e non sempre corretta. Quanti giudizi sbagliati su persone, cose, azioni ed avvenimenti. E questo è accaduto anche per la nostra vita parrocchiale.

Ma sono cose che bisogna, purtroppo, mettere in conto. Del resto anche in parrocchia chi fa falla e chi non fa non falla! Proverbio giusto! Meno male però che poi le cose, almeno per noi, sono andate quasi tutte bene.

Ultimo aggiornamento (Martedì 02 Ottobre 2012 09:36)

Leggi tutto...

 
Bollettini - Bollettino Maggio-Giugno 2012

IL PRETE DEVE ESSERE SE STESSO"

Un ampio disagio attra­versa il nostro mondo. C'è assenza di speran­za, c'è un'atrofia di progetti; e l'anima si illanguidisce. In questo contesto si inserisce l'azione pastorale del Salva­tore, che è chiamato, ogni giorno, a fare di Dio la ra­gione profonda della propria vita per poter ridare speran­za alla comunità; per poter rinverdire il progetto di fede della comunità. Per fare questo il prete deve evitare una tentazione e rin­novare un impegno. Potreb­be avvenire, alcune volte, che le comunità amino il prete che si comporta come loro. Al sacerdote il Signore non chiede questo.

Ultimo aggiornamento (Martedì 02 Ottobre 2012 09:35)

Leggi tutto...

 

PostHeaderIcon Ultime notizie

PostHeaderIcon I più letti