PostHeaderIcon Bollettino Maggio-Giugno 2009

L'A.S. San Corrado stupisce anche in ambito calcistico! I giovanissimi della nostra associazione sportiva infatti hanno festeggiato venerdì 17 aprile la vittoria del campionato con una giornata di anticipo.

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 20 Maggio 2009 14:04)

Leggi tutto...

 

Ogni domenica è "giorno del Signore", lo dice il nome stesso, ma il giorno di pasqua è il "giorno dei giorni".

La pasqua di Cristo raccoglie ansie e gemiti, lacrime e speranze della storia e, dopo averle confitte sulla croce di Cristo, le fa risorgere, non più con la veste antica e logora di ansia e gemito, di lacrime e speranze, ma nella nuova veste candida di serenità ed esultanza, di sorriso e di certezza. E' questa la pace del Risorto.

Leggi tutto...

 

Una rivista statunitense di economia e finanza ogni anno pubblica la lista dei miliardari della terra dalla quale apprendiamo che, in periodo di magra come l'attuale, i mega-ricchi mondiali sono passati dai 140 del 1985 ai 946 del 2007. Questi miliardari da soli posseggono l'equivalente del debito accumulato nei confronti delle banche dell'Occidente di tutti i paesi in via di sviluppo.

Leggi tutto...

 

Il prestito alle famiglie in difficoltà a causa della perdita del posto di lavoro è stato ideato dalla Cei che ha indetto una colletta in tutte le parrocchie italiane.

Leggi tutto...

 

La famiglia è il principale protagonista dell'educazione. Il bambino in essa comincia ad essere senso di se stesso e consapevolezza degli altri, in essa nasce la prima relazione, il primo sé. Un buon rapporto con i genitori favorisce un giusto sviluppo della vita, un cattivo rapporto è causa di turbe del carattere e del comportamento. L'influenza della famiglia è decisiva perchè in essa il bambino, fin dai suoi primi anni, struttura la propria coscienza, si forma il suo equilibrio, tanto che a cinque anni tutto, o quasi, è giocato sul piano della formazione della personalità. La famiglia è il luogo dell'appartenenza dove si sviluppa e si ricerca la propria identità che sarà premessa all'identità adulta. "E' possibile imparare ad educare? I genitori dovrebbero imparare che il miglior investimento di tempo è quello dei momenti che trascorrono con i loro figli. L'educazione delle virtù umane è alla base dell'educazione cristiana". Da qui sei punti da mettere in agenda per “educare”.

1. Il senso dell'autorità. "Una delle principali caratteristiche del rapporto educativo è senz'altro l'esercizio dell'autorità. Il vero senso dell'autorità sembra essere quello dell'autorevolezza. Da un punto di vista educativo, un genitore è autorevole nei confronti del figlio quando, con doti di maturità, di coerenza e di fascino, incarna in sé i valori umani e di fede della tradizione in cui vive.

2.Dire "sì" e dire "no!". "Se mi vuoi bene, dimmi di no!". L'amore non consiste in un buonismo vago e indifferenziato, ma in un'autentica ricerca del bene dell'altro. Ma il bene dell'amato si raggiunge anche dicendo dei "no". Le regole che costituiscono dei "no" ad alcuni comportamenti ci ricordano la presenza del limite in noi. Occorre imparare a dire dei "no", cioè trovare il modo e il momento più opportuno per insegnare il limite".

3. Parlarsi in famiglia. “La famiglia dovrebbe essere il luogo della confidenza e dell'accoglienza; il luogo dove non si teme di essere se stessi fino in fondo e senza maschere, dove nessuno ha paura di esternare i propri sentimenti, dove ognuno si sente importante per ciò che è e per quello che dice. Parlarsi in famiglia è un esercizio che contiene in sé numerosi risvolti umani, quali l'ascoltare, l'incoraggiare, il valorizzare, il coinvolgere".

4.Educare alla fatica. "In un mondo che esalta il benessere e assolutizza il piacere, parlare di educazione alla fatica e di impegno serio e laborioso può sembrare davvero fuori luogo. In che cosa consiste l'educazione alla fatica? Sostanzialmente in questo: porre davanti ai figli obiettivi realistici, sostenerli nella volontà di raggiungerli, confermare i risultati raggiunti, trasformare le sconfitte in acquisizioni positive aiutandoli ad un sano recupero dell'insuccesso".

5.Educare all'autonomia. "Uno degli obiettivi primi e fondamentali del compito educativo dei genitori è proprio quello di aiutare i figli a diventare adulti, cioè ad essere autonomi e autosufficienti... Chi si sente accettato e desiderato costruisce dentro di sé un solido nucleo di personalità che gli permette una sufficiente autonomia e indipendenza di fronte al mondo. Il punto forse più delicato dell'opera educativa è trovare un giusto equilibrio tra la libertà e la disciplina".

6.Trasmettere la fede in famiglia. "Un cristiano non può dimenticarsi di educare i propri figli alla fede o pensare che essa sia soltanto un optional. E' triste vedere che anche dei buoni genitori cristiani si fanno in quattro perchè ai loro figli non manchi niente delle cose materiali, d'altro canto non si curano di dar loro l'unica realtà vera ed eterna, quella che sarà la forza della loro vita. Da qui nasce il fondamentale compito affidato alla famiglia di trasmettere la fede cristiana... Non si tratta semplicemente di insegnare preghiere, di recitare formule, di imparare i comandamenti; non è una trasmissione astratta o teorica di un sapere religioso. La trasmissione della fede è un qualcosa di molto più radicale e profondo perchè fa parte integrante della comunicazione affettiva. Un figlio che cresce respirando un sano ambiente affettivo si apre fiducioso alla vita, agli altri, a Dio. in una parola, impara la fede. Infatti, la fede non è semplicemente un contenuto, ma è prima­riamente una relazione, un rapporto vitale, un legame amoroso con Dio padre".

 
Altri articoli...