“Sono albanese di sangue, indiana di cittadinanza. Per quel che attiene alla mia fede, sono una suora cattolica. Secondo la mia vocazione, appartengo al mondo. Ma per quanto riguarda il mio cuore, appartengo interamente al Cuore di Gesù”.

Madre Teresa di Calcutta, al secolo Anjeza Gonxhe Bojaxhiu, fondatrice della congregazione religiosa delle Missionarie della Carità, è la straordinaria protagonista del musical che il Coro Giovani della nostra parrocchia, insieme ai cori della Sacra Famiglia e di San Giorgio, porterà in scena nei prossimi mesi, proprio nell'anno del centenario della nascita di Teresa.Dopo il successo di "Francesca - una vita per la vita" del 2004 abbiamo deciso di rimboccarci di nuovo le maniche: quest'anno ci riproviamo con "Teresa - la matita di Dio", tratto da "Madre Teresa il musical" di Michele Paulicelli (http://www.madreteresadicalcutta.it). Lo spettacolo abbraccia un arco di tempo che va dall'arrivo di Teresa alla periferia di Calcutta negli anni '40 fino alla sua morte, avvenuta il 5 settembre 1997.I due protagonisti musicali sono Teresa, che canta con la voce di Laura, e il missionario Michael, interpretato da Rocco. Le voci narranti sono invece suor Bettina (Raffaella), brillante collaboratrice di Madre Teresa, e il giornalista Adams (Fiorito), che durante la lunga attesa per ottenere un'intervista impara il senso dell'amore disinteressato per il prossimo.Inutile dire che l'impegno che stiamo mettendo in questa impresa è tantissimo: proviamo tutti i venerdì sera, a settimane alterne la parte musicale e le coreografie; queste ultime vengono sempre studiate o ripassate anche il mercoledì sera. Attorno al coro ruota inoltre una serie di preziosi e infaticabili collaboratori, che ci dedicano generosamente il loro tempo per occuparsi insieme a noi di mixer, luci, costumi, oggetti di scena, scenografie e un'infinità di altre cose.Per ora non vi anticipo altro, mi limito ad invitarvi alla prima dello spettacolo, che si terrà sabato 22 maggio presso la nostra parrocchia. Faremo del nostro meglio per farvi emozionare, riflettere e divertire. Probabilmente l'esecuzione non sarà impeccabile, ma speriamo di trasmettervi, insieme al grande messaggio d'amore cristiano, un po' della passione e dell'amicizia che ci legano.

Davide

Ultimo aggiornamento (Venerdì 23 Aprile 2010 12:28)