Non è facile esprimere con parole i nostri sentimenti e le nostre sensazioni in questo momento; la prima cosa che ci viene in mente è il tesoro di insegnamenti che ci hai donato in questi quarant'anni di parrocchialità.

I grandi momenti vissuti insieme, dalle preghiere, le esperienze di evangelizzazione, gli incontri parrocchiali, i momenti di agape (come ci hai insegnato a definire) tanti, tantissimi ricordi affiorano nella mente e nel nostro cuore.

 

 Vogliamo dirti quanto è stato bello stare insieme, lottare insieme nelle difficoltà, gioire nei momenti di festa, seguire insieme un cammino pastorale guidati da te, sempre pronto a spenderti per gli altri, regalandoci molti momenti delle tue giornate.

 

Hai sempre cercato di capire la vita della nostra Comunità, evidenziando i lati positivi e negativi del comportamento umano (durante le omelie domenicali e durante gli incontri), proponendo le possibili soluzioni in linea con gli indirizzi del Vangelo e secondo l'insegnamento di Cristo. Sei un padre e un fratello, sempre pronto ad ascoltarci, anche se a volte rigido, se lo richiedevano le circostanze.

Ci viene in mente quella frase del Vangelo di Giovanni "Dopo aver amato i suoi, che erano nel mondo, li amò sino alla fine" (Gv 13,1), esclamata da Gesù prima che si accingesse a lavare i piedi ai suoi discepoli e si preparasse alla sua passione. Tentando una forzatura vogliamo adattarla all'attuale situazione che stiamo vivendo, per questo ti ringraziamo per averci servito ed amato con l'intensità estrema, dedicandoci tutto il tuo tempo.

Ci porteremo sempre nel nostro cuore gelosamente gli insegnamenti spirituali e di vita che ci hai donato.

Ti avremmo voluto dire tante altre cose, magari in maniera più bella, ma non ci resta che chiedere al Signore di proteggerti sempre, grazie di vero cuore un fraterno abbraccio.

Il Consiglio Pastorale Parrocchiale

 

Ultimo aggiornamento (Lunedì 07 Gennaio 2013 12:35)